Medical Master School (MMS-Ti). Passato, presente e futuro dello speciale gruppo di lavoro

Il progetto dell’Università della Svizzera Italiana (USI), d’istituire un Master in medicina, vorrebbe contribuire al miglioramento della situazione nazionale, incrementando il numero di posti di formazione in medicina. Ciò sarebbe possibile grazie ad una formazione teorica sul Campus e pratica negli ospedali universitari ticinesi (attualmente soltanto il Cardiocentro di Lugano può vantare questo titolo). Un altro fattore positivo, sta nel fatto che la creazione di questo Master attirerebbe in Ticino fondi e contributi da parte dalla Confederazione, dai Cantoni e fondi di ricerca che migliorerebbero l’impatto economico delle attività universitarie.
Il vantaggio è indubbio: potendo formare un maggior numero di medici in Svizzera, avremmo una minore necessità d’importarne dall’estero. Inoltre, l’interesse dei giovani studenti per la medicina è ben presente: per l’anno 2008/2009 ben 201 studenti ticinesi erano immatricolati nelle Facoltà di medicina svizzere (senza contare gli studenti ticinesi immatricolati nelle università italiane).
Lo scorso 25 gennaio, il portale Ticinonline.ch ci ha informati del fatto che il dott. Mario Bianchetti (primario di pediatria) intende lasciare il suo posto, in qualità di direttore sanitario dell’Ospedale Regionale di Bellinzona e Valli (ORBV), per potersi dedicare al futuro Master in Medicina dell’USI. L’USI ha infatti richiesto la sua partecipazione al gruppo di lavoro che si occupa dello sviluppo del progetto di Medical Master School (MMS-Ti).

Con la presente interrogazione si chiede al Consiglio di Stato di voler rispondere alle seguenti domande:

  1. quando è stato costituito questo gruppo di lavoro per lo sviluppo del progetto di Medical Master School presso l’Università della Svizzera Italiana?
  2. Come vengono selezionati i membri di questo gruppo di lavoro? Da chi sono nominati?
  3. Chi sono i membri di questo gruppo di lavoro?
  4. Da quanto tempo è operativo il gruppo di lavoro?
  5. Quali sono i risultati ai quali è fin’ora giunto il gruppo di lavoro?
  6. È stata pianificata una tempistica per il compito del gruppo di lavoro? A tutt’oggi, è già stato consegnato un primo rapporto? Per che data è prevista la consegna del rapporto finale?
  7. Quale importo è stato concesso al fine di sviluppare questo progetto? Al momento le cifre rispettano ancora quelle stabilite nel corso della pianificazione teorica?

Orlando Del Don
Per il Gruppo UDC