Una nuova facoltà di medicina a Chiasso?

È di questi giorni la notizia – riportata da tutti i media – dell’insediamento a Chiasso di una nuova università o, meglio, di un nuovo polo accademico che sotto il cappello dell’Associazione interuniversitaria europea – e grazie alla collaborazione della Medical University of Sofia – ha aperto le iscrizioni per il corso di laurea in medicina e in odontoiatria.

Nella documentazione divulgata dal nuovo ateneo si specifica poi che tutti i corsi di laurea sono senza test di ammissione e che per l’accesso è necessario seguire un corso preparatorio su materie scientifiche, lingua inglese e linguaggio medico in inglese (Corso preparatorio organizzato da CEPU International).

In considerazione di quanto sopra e senza dimenticare che il Ticino da anni si sta prodigando per realizzare un Master in medicina, con la presente siamo a chiedere al Consiglio di Stato di voler dar seguito alle seguenti domande:

  1. Il Consiglio di Stato è al corrente ed è stato informato in merito all’attivazione di questo corso di laurea in medicina e odontoiatria?
  2. Quale è stata la risposta del Consiglio di Stato alle autorità accademiche in oggetto?
  3. Ritiene il Consiglio di Stato che non vi siano rischi legati alla validità e spendibilità dei diplomi rilasciati dal nuovo polo accademico per la popolazione studentesca intenzionata a seguire questi corsi?
  4. Ritiene il Consiglio di Stato che questa iniziativa privata non confligga con il previsto progetto di attivazione del Master di medicina in Ticino?
  5. Qual è il parere della CRUS – Conferenza dei Rettori delle Università Svizzere – in proposito?

Per il Gruppo parlamentare UDC
Orlando Del Don