Articolo

Focus su Berna – marzo 2021

POSITIVO

Il Consiglio Nazionale chiede l’apertura di ristoranti e palestre a partire dal 22 marzo!

Grazie alla pressione dell’UDC, anche PLR e PPD si sono espressi a favore di un’apertura più rapida. Le misure anti-economiche della Confederazione dovrebbero essere finalmente abbandonate e la transizione alla normalità dovrebbe essere avviata. Tuttavia, il Consiglio federale si rifiuta di adempiere a questo mandato. Invece di ordinare le tanto attese misure di apertura, il Consiglio federale ha deciso il 19 marzo 2021 di rinviare ancora una volta le misure di allentamento. Così facendo, il Consiglio federale ignora ancora una volta i cantoni. Infatti, tutti i cantoni si sono espressi nella consultazione per l’apertura delle terrazze nella ristorazione a partire dal 22 marzo. La metà dei cantoni ha anche chiesto l’apertura degli interni dei ristoranti. L’UDC chiede al Consiglio federale di assumersi finalmente la sua responsabilità e di presentare una strategia di apertura.

 

Il Parlamento ordina il blocco immediato della politica agricola

Con l’appoggio dell’UDC, il Consiglio nazionale, seguendo il Consiglio degli Stati, ha anche deciso di sospendere la politica agricola 2022+. La maggioranza del Consiglio ha chiesto che il Consiglio federale riferisca sull’autosufficienza, sulla riduzione degli oneri amministrativi per le aziende agricole e sulle condizioni quadro per la massima libertà imprenditoriale possibile. Con questo approccio, il Parlamento probabilmente non riprenderà le delibere sulla futura politica agricola fino all’estate del 2023. L’UDC accoglie con favore l’arresto immediato che è stato deciso. Per le famiglie contadine, la politica agricola 2022+ avrebbe significato un calo dei redditi, più lavoro amministrativo e una perdita di terre coltivate.

 

Il Consiglio degli Stati mette in pista il compromesso borghese sull’AVS

Il 15 marzo 2021 il Consiglio degli Stati ha fatto un primo passo verso la stabilizzazione dell’AVS. Solo la sinistra ha votato contro. Il Consiglio degli Stati ha allineato l’età pensionabile delle donne a 65 anni con quella degli uomini e il tasso standard dell’IVA sarà aumentato di 0,3 punti percentuali all’8,0%. L’aumento dell’età di pensionamento delle donne ridurrà l’onere dell’AVS di 1,4 miliardi di franchi nel 2031. Le donne nate tra il 1959 e il 1967 che vanno in pensione dopo l’entrata in vigore delle nuove disposizioni riceveranno un supplemento di pensione come compensazione. Il compromesso sull’AVS dei partiti borghesi è quindi sulla buona strada. Il Consiglio nazionale si occuperà poi del progetto di legge. Si tratta ora di utilizzare il buon lavoro preparatorio del Consiglio degli Stati e di porre le basi per un progetto globale di stabilizzazione dell’AVS.

Il Parlamento respinge chiaramente l’iniziativa 99% dei giovani socialisti.

L’iniziativa della GISO chiede un aggiustamento nella tassazione dei redditi alti, tassando i redditi da capitale con un’aliquota più alta. L’UDC ha combattuto l’iniziativa, che porterebbe meno entrate fiscali. I contribuenti finanziariamente forti presi di mira dalla sinistra potrebbero infatti facilmente trasferirsi all’estero, lasciando la classe media svizzera a pagare il conto.

 

NEGATIVO

Gli altri partiti deludono i ristoranti, gli sport e i luoghi di cultura

Con la legge Covid 19, il Consiglio federale ha presentato al Parlamento le basi per aumentare il programma di rigore da 2,5 a 10 miliardi di franchi. In linea di principio, l’UDC ha appoggiato la proposta del Consiglio federale di sostenere finanziariamente i lavoratori e le imprese che hanno sofferto a causa delle misure di confinamento adottate da Confederazione e Cantoni. Tuttavia, il miglior rimedio sarebbe un allentamento immediato delle misure. Gli stessi partiti – PLR, PPD – che pochi giorni prima avevano invitato il Consiglio federale ad allentare le misure con una dichiarazione non vincolante, hanno piantato in asso gli imprenditori attivi nei settori di gastronomia, sport e cultura quando si è trattato di scrivere nella legge dei passi concreti di apertura per il Consiglio Federale. Hanno rifiutato un più forte controllo parlamentare del Consiglio federale, che l’UDC aveva chiesto.

 

Il Parlamento si rifiuta di fermare l’importazione del terrorismo

Il terrorismo islamico è una minaccia reale per la Svizzera. Da un lato, molti dei terroristi che hanno compiuto attacchi all’estero sono venuti in Europa come richiedenti asilo e avevano legami con gli ambienti radicali in Svizzera. In secondo luogo, gli islamisti hanno compiuto attentati a Morges e Lugano l’anno scorso. L’UDC ha riconosciuto questo pericolo e quindi ha chiesto, in due mozioni identiche, che non venga concesso l’asilo a gruppi di rifugiati se la loro identità non può essere provata. Inoltre, l’asilo non dovrebbe essere concesso se le persone provengono da una zona con una forte presenza di gruppi terroristici, violenti, estremisti o movimenti radicali. In entrambi i casi, PLR, il centro e la sinistra hanno votato contro le mozioni.

 

Cresce l’influenza dello Stato sui media

Il Consiglio nazionale ha aumentato significativamente il sostegno ai media. I partiti di centro-sinistra hanno deciso che ora anche i media online devono essere sostenuti con 30 milioni di franchi all’anno. In totale, altri 120 milioni di franchi fluiranno direttamente e indirettamente nella promozione dei media. In un momento in cui i bilanci finanziari della Confederazione e dei cantoni sono sotto pressione, l’espansione del finanziamento dei media manda un segnale completamente sbagliato. La Confederazione finanzierà anche la formazione dei giornalisti nelle scuole di giornalismo e nelle casse dei media e nelle agenzie di stampa per un importo pari a 30 milioni di franchi. In termini di politica democratica, questa decisione è molto problematica. Dai media finanziati dallo Stato non ci si può aspettare nessuna informazione indipendente e critica nei confronti dello Stato.

Condividi articolo
Categorie
#focus su berna
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
09.08.2020
Continua
Contatto
UDC Ticino
Via Ceresio 40
6963 Pregassona
+41 930 81 38
Social media
Visitateci su:

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo