Comunicato stampa

Il DECS di Bertoli (ab)usa l’agenda scolastica ufficiale per indottrinamento di sinistra e istigazione al non rispetto delle istituzioni

A prima vista, l’agenda scolastica ufficiale 2020/21 elaborata dal Decs di Manuele Bertoli con l’aiuto dei funzionari del DSS sembra un manuale di lotta alla Che Guevara, una “magna carta” del pensiero unico, pagata con i soldi dei contribuenti e imposta a tutti gli allievi giovani in tutto il Cantone. Grafica e contenuti veicolano dei messaggi che fanno credere ai giovani che ci siano tanti diritti dei bambini senza obblighi e che chi vuole cambiare le cose non deve capirle e affrontarle con i mezzi democratici e culturali, ma che basti alzare i pugni, scendere in piazza e gridare contro i “politici che si comportano come bambini”. Mentre i docenti e genitori faticano giorno dopo giorno per accrescere nei ragazzi la conoscenza, l’autocoscienza, la responsabilità, il rispetto e la capacità di giudicare il mondo partendo da esperienze positive e costruttive, DECS e DSS li istigano alla rabbia e alla protesta facile, idealizzando delle figure giovanili che sono diventate o sono state strumentalizzate da esperti di relazione pubbliche (vedesi Greta) per diventare degli eroi della piazza. Con i suoi messaggi plateali, il DECS con aiuto del DSS attraverso l’agenda scolastica ufficiale banalizza delle questioni importanti come la salvaguardia del territorio e dell’ordine, il rispetto reciproco, la civiltà, il commercio, il benessere, la democrazia e la responsabilità. Invece di aiutare i giovani a capire questi principi e ad apprezzare la bellezza del mondo e della nostra democrazia, il Decs e DSS li riempiono di posizioni ideologiche come quella del clima o del gender (come nel caso della giovane citata nell-agenda che “non si riconosce in un genere”).

Come d’abitudine, l’agenda scolastica è stata distribuita in tutte le scuole medie del Cantone e dall’anno scorso anche agli allievi delle quinte elementari degli istituti comunali, delle scuole speciali così come al primo anno delle scuole medie superiori. Proprio per questo motivo, è decisamente azzardata la scelta del Decs di esporre delle ragazzine e dei ragazzini tanto giovani a contenuti comunicativi così unilateralmente ideologizzati, che non sono ancora completamente in grado di processare compiutamente. Se il DECS avesse realmente voluto promuovere la riflessione critica in materia ambientale da parte delle e dei giovani ticinesi, anziché limitarsi a chiedere loro cosa potrebbero fare per il clima, avrebbe potuto fornire loro materiali critici. Per esempio relativi al lavoro minorile nelle miniere in Africa per la produzione delle batterie dei loro telefonini. Oppure il consumo energetico causato dai Social da loro tanto amati. Oppure il grande tema dell’immigrazione, fenomeno che sta subendo il nostro paese, che provoca inevitabilmente cementificazione, inquinamento e traffico, oltre che una riduzione delle opportunità di lavoro per le future generazioni.

Nota: l’immagine pubblicata in precedenza in questo articolo erano in realtà del Diario scolastico della Svizzera italiana (Istituto Editoriale Ticinese SA), che nulla c’entra con l’Agenda scolastica della Svizzera italiana autoprodotta distribuita dal DECS, che ha interrotto la collaborazione con questo editore l’anno scorso. Ci scusiamo per l’errore e l’incomprensione.

Condividi articolo
Categorie
#comunicato stampa udc ticino
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
09.08.2020
Continua
Contatto
UDC Ticino, Casella postale 6193, 6901 Lugano
E-Mail
Social media
Visitateci su:

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo