Comunicato stampa

Il popolo dà ancora ragione all’UDC

UDC Ticino si rallegra dei risultati usciti dalle urne questo fine settimana. Per ciò che riguarda i quattro temi cantonali, i primi tre sono andati nella direzione auspicata all’unanimità dal comitato del partito. Sul quarto tema, quest’ultimo s’era pronunciato a maggioranza per un NO, nella convinzione che – nonostante un comitato d’iniziativa possa trovarsi d’accordo con il cosiddetto testo conforme elaborato dal parlamento, lo stesso è pur sempre frutto di un compromesso che può modificare anche sensibilmente l’oggetto per il quale gli iniziativisti hanno firmato. Di conseguenza, sarebbe giusto, agli occhi dell’UDC, che il popolo possa essere chiamato a decidere in ultima istanza. Il fatto però, che questo caso si verifichi molto raramente (l’unico di cui abbiamo memoria nel recente passato è stata l’iniziativa per l’insegnamento della civica) aveva fatto sì che anche la raccomandazione uscita dal comitato cantonale non avesse fatto l’unanimità, per cui la decisione popolare, oltre che essere democraticamente da accettare, sancisce una situazione con cui anche UDC Ticino può convivere senza problemi.

Degli altri tre temi cantonali, se i diritti politici dei Ticinesi all’estero e i progetti con varianti non riscaldavano particolarmente gli animi, suscitava un grande interesse invece quello inerente ai termini per la raccolta delle firme nell’esercizio dei diritti popolari, nato dall’iniziativa parlamentare “Più voce al popolo!” depositata da Sergio Morisoli e dal gruppo UDC. Frutto di un compromesso, la soluzione messa in votazione non è che un piccolo passo volto a compensare parzialmente l’aumento delle difficoltà nella raccolta delle firme dovuto al voto per corrispondenza che, di fatto, ha drasticamente ridotto l’effetto delle bancarelle organizzate all’uopo ai seggi durante le votazioni. L’aumento del termine di raccolta delle firme da 45 a 60 giorni per i referendum, e da 60 a 100 giorni per le iniziative, non è la soluzione ottimale che avrebbe voluto l’UDC, ossia l’aggiunta di una sensibile riduzione delle firme necessarie, ma costituisce comunque un passo avanti. Vista l’altissima percentuale dei consensi emersi dall’urna, il partito sta valutando se non sia il caso di insistere in questa direzione con un’iniziativa che porti il popolo a votare anche su una ragionevole riduzione delle firme. Nonostante il successo della votazione odierna, infatti, il Ticino rimane comunque a uno degli ultimi posti nella classifica dei cantoni che rendono più agibile l’esercizio dei diritti popolari.

UDC Ticino si unisce all’UDC nazionale nel rallegrarsi dell’”asfaltatura” rimediata dall’iniziativa dei Giovani Verdi contro la dispersione degli insediamenti che, considerando la già restrittiva e non ancora totalmente attuata revisione della legge sulla pianificazione del territorio, aveva un sapore di ingiustificato “accanimento terapeutico”.  L’unico strumento efficace contro la cementificazione dei nostri paesaggi, a detta di UDC Svizzera – e UDC Ticino concorda completamente – è una gestione autonoma dell’immigrazione, come chiede l’iniziativa UDC per la limitazione. Una crescita moderata e sopportabile per gli esseri umani e per l’ambiente è possibile unicamente se la Svizzera può decidere lei stessa il numero d’immigranti che hanno il diritto di lavorare e vivere in questo paese.

UDC Ticino

Condividi articolo
Continua
Contatto
UDC Ticino, Casella postale 6193, 6901 Lugano
E-Mail
Social media
Visitateci su:

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo